Tutto sulla grattugia elettrica, consigli d’acquisto, offerte, migliori modelli del 2020

Inutile negarlo: oggi siamo abituati ad avere ogni tipo di comfort e comodità in casa. Tra lavoro, famiglia e mille impegni sono davvero tanti gli elettrodomestici che ci vengono in aiuto quando siamo ai fornelli. In questa guida proveremo a soffermarci sulle grattugie elettriche, utensili da cucina presenti ormai in quasi tutte le “quattro mura”. Uno strumento che non può assolutamente mancare nelle case di chi ama il formaggio.

La grattugia elettrica rappresenta un valido alleato soprattutto quando ci occorrono grosse quantità di parmigiano o di altri formaggi per cucinare. Un modo anche per risparmiare quando si fa la spesa: si compra il pezzo intero di formaggio e lo si grattugia in modo da conservarlo in frigo e da usarlo quando serve.

I modelli

In circolazione sono davvero numerosi i modelli di grattugia elettrica: ciascun articolo con funzioni e caratteristiche singolari. Questi prodotti si differenziano tra loro per le dimensioni, il design e le opzioni extra. Tra i più gettonati c’è sicuramente il classico tipo di grattugia caratterizzato dal rullo in acciaio con pressatore e dal manico in plastica. Usarla è un gioco da ragazzi: il formaggio va inserito all’interno e l’elettrodomestico va messo in funzione. Il formaggio grattugiato resta all’interno della grattugia; si solleva la cassetta e si può usare.

In vendita ci sono anche grattugie elettriche molto simili a quelle manuali sul fronte estetico. Il formaggio, in questo caso, va ‘grattato’ solo quando occorre in modo che possa finire dritto nel piatto.

La scelta della grattugia varia a seconda delle esigenze e dei gusti di ciascuno di noi. Sicuramente i modelli più accessoriati sono quelli caratterizzati anche da cassettino e formaggiera. Sono senza alcun dubbio più complete ma richiedono pure maggiore spazio. I tipi di grattugia elettrica più essenziali invece non sono dotati di cassettino per conservare il formaggio e sono funzionali per un utilizzo veloce ed immediato.

Dimensioni, peso e forma

Le dimensioni delle grattugie elettriche non sono tutte uguali ma cambiano a seconda del modello. Ci sono comunque due grandi categorie: le grattugie per uso domestico e quelle per uso professionale. Le prime solitamente sono larghe 20 centimetri, altre 10 e profonde 9 centimetri. Ci sono poi modelli che arrivano ad avere una larghezza pari a 26 centimetri, un’altezza di 16 centimetri e una profondità di 11 centimetri. Molto più grandi le grattugie elettriche professionali: le misure si aggirano sui 35 x 30 x 30 centimetri.

Le grattugie elettriche per uso professionale hanno prestazioni elevate. Bisogna naturalmente considerare che si tratta di elettrodomestici che richiedono maggiore spazio in cucina perché più ingombrante.

A differenziare i vari modelli di grattugia elettrica, al di là delle dimensioni, è anche il peso che cambia a seconda del modello. Le grattugie, utilizzate in casa, sono leggere e portatili. Solitamente questi prodotti pesano circa 600 grammi. Discorso completamente diverso le grattugie professionali: l’ago della bilancia, infatti, si sposta di tanto arrivando a raggiungere i 10 chili. Si tratta di prodotti più accessoriati e multifunzionali e dunque al contempo più pesanti.

Dimensioni e peso contraddistinguono, quindi, i modelli di grattugia elettrica presenti in circolazione. Ma non solo.  A cambiare è anche il design: è molto più semplice, infatti, la forma di una grattugia ad uso domestico rispetto a quelle usate in ambito professionale. Le prime sono solitamente in plastica e caratterizzate da un rullo in acciaio che si estrae e all’interno del quale si inserisce il formaggio che andremo a grattugiare. I modelli professionali sono invece dotati di un corpo macchina con un contenitore in cui va collocato il formaggio e una ciotola per conservarlo.

I materiali

Così come per gli altri elettrodomestici, anche nel caso della grattugia elettrica, è fondamentale scegliere un prodotto di qualità e realizzato con materiali resistenti. Per quali modelli, dunque, dobbiamo optare per ottenere un’ottima grattugiata di formaggio? I prodotti più gettonati sono quelli costruiti in plastica dura e con rulli in acciaio inox.

Tra le grattugie elettriche che riscuotono maggiore successo in cucina ci sono anche quelle realizzate in alluminio pressofuso. Anche in questo caso il rullo, che è il cuore dell’elettrodomestico, è in acciaio.

Sia la plastica dura che l’alluminio pressofuso risultano essere materiali di qualità che scongiurano usura e deterioramento materico e assicurano al contempo anche maggiore efficienza. Ci sono altri materiali che invece tendono a subire danni e dunque a non garantire buoni risultati all’acquirente. Oltre ai materiali, naturalmente, bisogna fare caso anche al prezzo del prodotto. Più un elettrodomestico è di qualità, maggiore sarà il costo. E se vi trovate di fronte ad articoli che abbiano un prezzo simile, puntate su quello realizzato con i materiali migliori.

Portatile o fissa?

La grattugia portatile è senza alcun dubbio la tipologia più diffusa, nonché la più semplice da utilizzare. Questo piccolo elettrodomestico funziona per la maggior parte dei casi con batterie e si può trasportare da una parte all’altra perché di piccole dimensioni e leggera. Il formaggio, che dobbiamo grattugiare, va inserito in un apposito spazio per poi avviare la pressione. Molto utile soprattutto quando bisogna condire i piatti che sono già in tavola.

La grattugia fissa, invece, è molto più grande e serve a grattugiare grosse quantità di formaggio. Utile per chi acquista grana, parmigiano e pecorino per grattugiarli e tenerli pronti all’uso in frigorifero. Il formaggio va conservato in contenitori chiusi. Si tratta di un dispositivo alimentato da corrente elettrica. Non si può, dunque, portare a tavola come nel caso del modello precedente.

La potenza

Ogni grattugia elettrica può essere più o meno potente dell’altra. Anche questo fattore varia a seconda del modello che abbiamo scelto. I dispositivi più semplici hanno una potenza pari pure a 10 Watt, mentre i prodotti per uso professionale raggiungono anche i 500 Watt.

Naturalmente se si è in possesso di una grattugia elettrica a batteria, la potenza non può essere misurata in Watt. In questi casi bisogna prendere in considerazione il voltaggio delle batterie.

Dalla potenza dipendono anche le prestazioni di una grattugia elettrica. E’ chiaro che un elettrodomestico con una potenza inferiore non sarà in grado di grattugiare formaggi stagionati o magari pezzi di pane secco. Il discorso cambia se in casa siamo in possesso di un dispositivo molto potente: queste grattugie elettriche sono, infatti, capaci di tritare anche gli ingredienti più duri.

Per un uso domestico può essere sufficiente anche una grattugia elettrica dalla potenza media ma che sia comoda e pratica da usare. Per un utilizzo più intenso, invece, meglio optare per un dispositivo che abbia un’alimentazione a cavo e che sia dotato di una potenza elevata.

Il tipo di alimentazione

Le grattugie elettriche, usate in casa, sono per la maggior parte dei casi alimentate a batteria. Ci sono poi anche modelli che si ispirano alle grattugie professionali e che dunque funzionano mediante cavo ma sono poco gettonati. Se vogliamo puntare ad un modello di qualità per uso domestico, dobbiamo allora cercare di acquistare una grattugia elettrica che abbia una batteria ricaricabile. In questo caso sarà fondamentale prestare cura nei confronti della sua autonomia e dei tempi di ricarica affinché abbia una maggiore durata nel tempo. In caso di danneggiamento o di usura la batteria va sostituita e l’apparecchio continuerà a funzionare.

Quali sono i modelli più duraturi ed efficienti? Sicuramente bisogna optare per prodotti che abbiano almeno un’autonomia di circa un’ora. Significa che saranno in grado di grattugiare in totale 1500 grammi di formaggio, mica poco!

I tempi di ricarica di una grattugia elettrica ad uso domestico sono compresi tra le 8 e le 14 ore. Non sono invece molto consigliati i modelli alimentati a batteria usa e getta: necessitano di maggiore manutenzione e assicurano prestazioni inferiori. Inoltre la spesa sarà maggiore per l’acquisto delle nuove batterie.

Chi opta, infine, per una grattugia elettrica alimentata a corrente e dotata, dunque, di un cavo, deve fare attenzione proprio alla lunghezza del filo in modo che possa adoperare l’apparecchio senza difficoltà ed ostacoli. Occhio, inoltre, pure ai consumi di corrente. Sono tutti fattori che vanno presi in considerazione, riflettendo sempre sul tipo di utilizzo che dobbiamo fare del dispositivo.

Il funzionamento

Al momento della scelta – è chiaro – oltre all’estetica, diamo importanza soprattutto alle funzioni di ogni singolo prodotto. Importante accertarsi delle sue caratteristiche e magari di eventuali opzioni  extra. I prodotti più classici, usati solitamente in casa, rientrano nei modelli essenziali. Ci sono poi articoli multifunzione che invece sono caratterizzati da una serie di pezzi che sono intercambiabili; questi dispositivi sono sicuramente versatili perché possono essere usati anche per altri tipi di alimenti che non siano formaggi.

Le grattugie elettriche multifunzionali hanno un costo più elevato rispetto ai modelli essenziali che sono per la maggior parte dei casi quelli più diffusi nelle quattro mura.

Tra le funzioni, presenti comunque in ogni tipo di grattugia elettrica, ci sono senza alcun dubbio quelle dell’accensione e dello spegnimento. Ogni elettrodomestico, infatti, va messo in funzione e poi va disattivato al termine dell’operazione richiesta. Partiamo, allora, dai prodotti più semplici: queste due funzioni sono legate molto spesso al manico con cui si esercita la pressione sul formaggio; ci sono poi modelli in cui invece l’accensione e lo spegnimento sono caratterizzati da un apposito pulsante colorato. Se passiamo poi a dare un’occhiata alle grattugie elettriche professionali noteremo che c’è una vera e propria pulsantiera dove poter selezionare senza difficoltà sia la funzione di accensione che di spegnimento dell’apparecchio.

Sicurezza e spegnimento automatico

Le grattugie elettriche più moderne ed avanzate tecnologicamente presentano un sistema di sicurezza che permette di poter tritare i formaggi senza correre alcun pericolo. A rischio, durante queste operazioni, ci sono sempre le dita. Ecco che alcuni dispositivi hanno dei sistemi che fanno in modo che le mani non entrino proprio in contatto con le lame dell’apparecchio elettrico. Molti modelli sono anche caratterizzati dalla funzione dello spegnimento automatico: l’apparecchio si ferma da solo quando il motore si surriscalda. Un’opzione, quest’ultima, molto importante per scongiurare danni e malfunzionamento. Bisogna sicuramente tenerne conto quando ci troviamo a fare una scelta e a selezionare il tipo di grattugia elettrica che più ci interessa per un eventuale acquisto.

La funzione dello spegnimento automatico non è presente in tutti i dispositivi. Si tratta di un’opzione assente nei modelli essenziali e più semplici. Spesso comunque si trova negli apparecchi finalizzati ad un uso domestico; lo spegnimento automatico è invece quasi sempre presente sui modelli professionali.

Opzioni extra

Se spendi di più – non c’è niente da fare –  si nota. E’ chiaro che un prodotto più costoso e dunque multifunzionale sia caratterizzato da funzioni extra. Il nostro consiglio, allora, è quello di optare per il dispositivo che ci piace tenendo conto soprattutto del tipo di uso che vogliamo farne. Se la nostra intenzione è solo quella di grattugiare il formaggio, allora anche un modello semplice andrà bene. Se intendiamo, invece effettuare anche altri tipi di taglio, allora lo sguardo dovrà essere rivolgo a dispositivi accessoriati e multifunzionali.

Ci sono grattugie elettriche multifunzionali caratterizzate da accessori che consentono, oltre a grattugiare il formaggio, di poter tritare verdure, carne, spremere pomodori. Ci sono pezzi intercambiali che fanno sì che il prodotto risulti versatile e adatto a più funzioni.

Si tratta di funzioni molto apprezzate da chi preferisce utilizzare un unico apparecchio per più finalità in cucina. Queste opzioni aggiuntive si riscontrano sia nei prodotti ad uso domestico che nei modelli di natura professionale. Si tratta di un valore aggiunto che non va trascurato soprattutto da chi ama stare dietro i fornelli.

Gli accessori

Un altro aspetto da considerare quando scegliamo una grattugia elettrica riguarda gli accessori in dotazione. Lo sappiamo bene che più ce ne sono e più saremo soddisfatti. Però c’è da dire, anche in questa circostanza, che gli accessori cambiano a seconda che si tratti di prodotti ad uso domestico e apparecchi ad uso professionale. Nei modelli più semplici ed essenziali ritroveremo solo due rulli con dentature diverse. Nelle confezioni delle grattugie elettriche più avanzate tecnologicamente gli accessori in dotazione saranno numerosi. Possibile poi anche acquistarne altri separatamente.

Il rullo è la componente principale di qualsiasi grattugia elettrica. Che sia un prodotto per uso domestico o professionale, il rullo resta la parte più importante per grattugiare il formaggio e talvolta anche altri alimenti.

Il rullo è in acciaio inox e nella maggior parte delle grattugie elettriche si può rimuovere in modo da essere lavato o nei casi in cui sia necessario anche sostituito. Ci sono molti modelli, sia destinati ad un uso domestico che professionali, che sono caratterizzati da più rulli con differenti dentature. La presenza di più elementi contribuisce a migliorare le prestazioni dell’apparecchio e ad assicurare una perfetta grattugiata di formaggio a seconda però della consistenza che più si desidera.

Oltre ai modelli muniti di rullo dentato non è raro trovare in vendita anche grattugie elettriche dotate di lame in acciaio inox. Per la maggior parte delle volte questi elettrodomestici risultano meno funzionali e duraturi.

Un altro accessorio importante quando si acquista una grattugia elettrica è quello della ciotola esterna. In questo recipiente possiamo conservare il formaggio che abbiamo grattugiato, mettendolo in frigo, senza rischiare, dunque, che ne venga compromesso il sapore. Nella confezione, infatti, quasi sempre c’è anche un coperchio salva freschezza che consente al recipiente di essere chiuso in modo ermetico per assicurare una corretta conservazione degli alimenti. La ciotola, solitamente, si trova in dotazione nei prodotti fissi. Le grattugie elettriche portatili, infatti, non sono quasi mai caratterizzate da una ciotola esterna.

Come pulire una grattugia

La pulizia di qualsiasi elettrodomestico è un fattore da prendere in considerazione al momento della scelta e dell’acquisto. Soprattutto quando si tratta di dispositivi usati in cucina, è chiaro che l’igiene sia un aspetto prioritario per tanti. Così come nei casi precedenti – anche per l’aspetto della pulizia – ci sono delle differenze tra le grattugie per uso domestico e quelle per uso professionale.

Le grattugie più essenziali sono caratterizzate da un unico corpo macchina. Non è possibile dunque smontare l’apparecchio e lavare in modo separato le sue componenti. L’unico pezzo che si estrae in questi casi è il rullo in acciaio inox.

Ci sono prodotti multifunzionali e costituiti da pezzi intercambiabili che invece possono essere smontati e lavati. Le componenti di queste grattugie elettriche si possono igienizzare sia a mano che in lavastoviglie. Poter pulire una grattugia elettrica è fondamentale soprattutto per chi ne fa un uso frequente. L’igiene rappresenta, dunque, una priorità se intendiamo far durare quanto più a lungo possibile il nostro elettrodomestico, riducendo il rischio di usura e deterioramento e contrastando la possibile formazione di muffa. Occhio anche alla dentatura del rullo affinché non si vengano a creare occlusioni a causa di tracce di sporco e cibo.

Insomma se tieni molto alla pulizia, è sempre meglio optare per una grattugia che presenti almeno la zona del rullo removibile e lavabile. Uno dei motivi per cui si è preferito tanto, negli ultimi anni, scegliere una grattugia elettrica rispetto a quella manuale è proprio quello di assicurare maggiore igiene a tavola.

Scaglie di formaggio grosse e sottili

Di grattugie elettriche in commercio ce ne sono davvero tante e di tutti i tipi, nonché per tutte le tasche. A seconda del budget, infatti, possiamo scegliere il modello che fa più per noi e che più risponde ai nostri gusti e alle nostre esigenze. Molto spesso, inoltre, la grattugia elettrica rappresenta un ottimo, pratico ed utile regalo da fare ad amici e parenti.

Le grattugie elettriche semplici possono essere caratterizzate da più rulli che possono consentire un diverso tipo di grattugia. Ci sono, infatti, rulli per scaglie di formaggio più grosse, altri per scaglie più sottili e così via. In tutti i casi tali rulli sono sempre in acciaio inox.  Prima di riporli in lavastoviglie, ricordatevi di pulirli in modo da rimuovere le tracce di alimenti. In quasi tutte le grattugie il rullo si può estrarre sia per una questione di igiene che di manutenzione. Talvolta l’operazione di pulizia appare più complicata in presenza di batterie ricaricabili nel vano.

Le grattugie elettriche che funzionano mediante corrente elettrica sono spesso dotate di un apposito vano in cui riporre il cavo quando non utilizziamo l’elettrodomestico. Una comodità da non trascurare soprattutto per questioni di spazio e di ingombri.

I modelli di grattugia elettrica, che funzionano con lame invece che con i rulli, sono solitamente alimentati solo con la corrente elettrica. Le lame possono essere estratte dal corpo macchina sia per un intervento di manutenzione che di pulizia. L’elettrodomestico, sia che sia con rullo che con lame, va pulito e riposto al suo posto dopo ogni utilizzo. Il fatto che si grattugi soltanto formaggio, talvolta può dare l’impressione a chi utilizza il dispositivo che non sia poi così tanto sporco. Non è così. Al nuovo utilizzo ci ritroveremo con scaglie di formaggio vecchie che si mescolano con quelle nuove. Una “frittata”, insomma! Meglio evitare tali circostanze ed essere puntuali con la pulizia dell’apparecchio al termine di ogni grattugiata.

L’uso ideale

La grattugia elettrica è uno degli elettrodomestici più apprezzati da chi ama cucinare e stupire i suoi ospiti con deliziosi pasti. Anche chi non adora il formaggio a scaglie o grattugiato, ne fa uso. Proprio così! Se ricevete una grattugia elettrica in regalo ma non amate il formaggio, non dovete affatto scoraggiarvi. Questo elettrodomestico può essere utilizzato anche in modo diverso. Siete, ad esempio, fan di dolci e torte? Semplice, potete usare questo dispositivo per ottenere scaglie di cacao perfette. Se il rullo e le lame entrano, però, in contatto con più tipi di alimenti, l’aspetto della pulizia va tenuto in considerazione. Non vi dimenticate mai di rimuovere ogni traccia di alimento dall’apparecchio.

E se intendete invece preparare dei deliziosi manicaretti, avrete sicuramente bisogno di avere a portata di mano delle scaglie di noci. Anche in questo caso la grattugia elettrica vi potrà essere di aiuto. Insomma, potete farne uso quante volte desiderate.

L’aspetto importante è quello della cura e della pulizia degli accessori in modo che non vi siano odori o fastidiosi ristagni durante l’uso successivo del dispositivo. Non sarebbe carino trovarsi a grattugiare il formaggio e ritrovarsi il rullo sporco di cacao o di noci. Sia che per il dolce che per il salato la grattugia elettrica è comunque un piccolo elettrodomestico che ha valide funzioni. L’unico neo di alcuni modelli sta nella pressione manuale: alcuni prodotti infatti necessitano della forza di chi li usa per pressare il formaggio e grattugiarlo.

Il costo

In un periodo così difficile come il nostro, in cui la disoccupazione non stenta a calare e i risparmi diminuiscono sempre più, si riflette sempre prima di effettuare ogni tipo di acquisto. L’obiettivo è quello di far fronte alle spese quotidiane e ai tanti rincari che ci si ritrova sulle spalle da un giorno all’altro, facendo anche dei sacrifici e magari evitando alcune spese. Il prezzo di un articolo da comprare è infatti uno degli aspetti che più viene preso in considerazione al momento della scelta. “Che faccio? Lo prendo o è meglio evitare“, ci si domanda prima di mettersi in fila alla cassa.

Chi ha una grattugia manuale magari tentenna di fronte alla spesa da affrontare per una grattugia elettrica perché abituato alle vecchie maniere. Eppure i vantaggi nell’usare questo elettrodomestico sono davvero tanti così come i suoi usi. Dimezzato anche il tempo: si impiega una manciata di secondi per usare una grattugia elettrica. Il costo di questo dispositivo cambia a seconda de tipo di prodotto, del modello e del brand. Per la maggior parte dei casi comunque si tratta di un articolo accessibile a tutti. Ci sono modelli che appartengono ad una fascia di prezzo media che si aggirano intorno ai 120 euro; altri che funzionano mediante batterie ricaricabili che hanno un costo di circa 40 euro. Insomma la scelta è ampia.

Le grattugie elettriche a forma di ovetto sono economiche e costano circa 30 euro. Sono caratterizzate da due parti, una delle quali funge da coperchio. I modelli più accessoriati, usati sia per grattugiare il formaggio che il pane, possono arrivare a costare anche 150 euro.

I prodotti più costosi sono quelli che vantano molti accessori e svolgono diverse funzioni. La scelta va sempre fatta tenendo conto del budget e del tipo di utilizzo che bisogna fare del prodotto. Se amate stare ai fornelli e vi dilettate con ricette che prevedono molto spesso l’utilizzo di formaggi o di pane grattugiato, allora un apparecchio multifunzionale potrebbe fare al caso vostro. E se siete dei maghi dei dolci, meglio ancora; anche in questo caso la grattugia elettrica potrà fornirvi un valido aiuto. Se, al contrario, la grattugia vi serve soltanto per grattugiare formaggio per condire un piatto di pasta, allora optate per un modello essenziale e classico. Se preferite una grattugia alimentata a batterie, meglio scegliere quella con pile ricaricabili.

I vantaggi e gli svantaggi

Perché acquistare una grattugia elettrica? E’ uno degli interrogativi più gettonati prima dell’acquisto. La risposta è semplice: la grattugia è un prodotto vantaggioso da più punti di vista. Tra i suoi punti di forza c’è senza alcun dubbio la facilità d’uso: tutti possono utilizzarla. Anche chi è dilettante in cucina o comunque è alle prime armi, non avrà problemi nel fare uso di una grattugia elettrica. Un secondo vantaggio è legato sicuramente alla fatica e al tempo: grattugiare il formaggio a mano necessita di maggiori sforzi soprattutto se abbiamo bisogno di grosse quantità per condire i piatti o per preparare delle pietanze. A chi non è mai capitato di ritrovarsi con il polso dolorante o con le mani arrossate? Se vostra mamma o vostra nonna soffrono di artrite, il nostro consiglio è quello di regalarle una grattugia elettrica. Una soluzione semplice ed efficace soprattutto per chi soffre di problemi articolari.

Grattugiare il formaggio con una grattugia elettrica richiede molto meno tempo. L’intera operazione, effettuata con questo elettrodomestico, risulterà infatti semplice e veloce per tutti.

Certo così come per qualsiasi altro dispositivo, anche la grattugia elettrica ha i suoi punti deboli. Uno dei difetti che spesso viene sottolineato da chi ne fa uso – nel caso naturalmente di alcuni modelli –  è quello relativo alla scarsa lunghezza del filo della ricarica. Nessuna tragedia, comunque: a volte si potrà far fronte a questo fastidio acquistando una prolunga o prendendo bene le misure prima dell’acquisto.

Alcuni lamentano, invece, tempi di ricarica un po’ lunghi: alcuni prodotti necessitano infatti di stare sotto carica per ben 15 ore ma al contempo assicurano pure lunghi periodi di utilizzo e prestazioni professionali. Un lato positivo che non va affatto tralasciato. Nel vortice delle critiche di qualche consumatore anche la rumorosità di alcuni prodotti elettrici.

Conclusioni

La grattugia elettrica è un elettrodomestico ormai sempre più presente nelle nostre quattro mura. Negli ultimi anni ha preso il sopravvento rispetto a quella manuale; la verità è che di un simile prodotto proprio non se ne può fare a meno. Perché? La nostra tradizione culinaria vuole che si faccia uso di prodotti grattugiati: come non condire, infatti, con parmigiano reggiano un buon piatto di pasta al pomodoro o magari con del pecorino un piatto di carbonara? Sarebbe un vero insulto agli amanti della nostra dieta mediterranea. Ma non solo. Sono anche tante le pietanze esotiche che richiedono una bella grattugiata di formaggio.

Acquistare una grattugia elettrica rappresenta un investimento in termini di tempo e di denaro. Se siamo stanchi di acquistare le classiche bustine di formaggio già grattugiato, né avete intenzione di passare minuti interi a grattugiarlo manualmente, soprattutto se vi servono grosse quantità, allora la grattugia elettrica è ciò che fa al caso vostro. Si risparmia sull’acquisto di cibi già grattugiati che costano anche di più rispetto a quelli integri e si impiega meno tempo ai fornelli. Un aspetto, quest’ultimo, che non va affatto trascurato soprattutto in questo periodo in cui si corre per ogni cosa e dove la vita quotidiana è davvero frenetica.

Quale grattugia elettrica acquistare, allora? La risposta non può essere una: bisogna comprare il dispositivo che più si adatta alle proprie esigenze. Noi vi consigliamo per questo motivo di studiare per bene i vari modelli prima di poter essere in grado di fare la vostra scelta. Siamo certi che tenendo conto tutto quello che ci siamo detti in questa guida non potrete che effettuare la scelta migliore, acquistando una valida grattugia elettrica e tenendo conto del miglior rapporto qualità/prezzo.

Silvia Casciaro

Laureata in Medicina Veterinaria, lettrice 'compulsiva' e appassionata di scrittura. Adoro arricchirmi quotidianamente di nuove conoscenze e fornire informazioni utili a chi voglia saperne di più su come rendere più efficienti le proprie quattro mura.

Back to top
Apri Menu
Grattugia Elettrica